liceo_Gramsci_Firenze_-_R_MaestroOltre_2008_-_A_Gioli

 
 

PIEGARE_-_F_Purini

STRATIFICARE_-_F_Purini

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Si è appena conclusa negli spazi dell’Accademia Fiorentina una splendida mostra, consueto appuntamento degli accademici delle Arti e del Disegno classe Architettura, emblematicamente titolata quest’anno Drawing Architecture
– Si torna al disegno, scrive presentando la mostra Francesco Gurrieri. Il disegno alla base di tutte le arti e dell’architettura in particolare. Non si può amare l’architettura (per dirla con Giò Ponti) se non si ama il disegno. Non solo, ma il momento di maggior felicità dell’architetto (Michelucci), posto che ancora ne sia rimasto spazio, è quello in cui si torna al “taccuino” o al foglio bianco, con la penna o col lapis: un rito che si ripete da secoli, forse destinato a permanere.
– I Disegni, conclude Roberto Maestro, stanno lì immutabili nel mio archivio a ricordarmi i pochi successi e i tanti errori fatti durante una vita spesa a progettare. I progetti, vivono di una vita propria: a volte si realizzano e diventano architettura costruita, ma il più delle volte rimangono solo disegni (e non sono questi i peggiori, anzi). Mi sono chiesto se sono, come me invecchiati – .